Mario Malossini

welcome

Nato a Riva del Garda (TN) ho conseguito il diploma di geometra e frequentato l’Università Cattolica di Milano. Sono stato giornalista pubblicista e poi funzionario amministrativo presso una società editoriale. Nel 1978 sono stato eletto Consigliere provinciale del Consiglio della Provincia Autonoma di Trento e, secondo quanto previsto dallo Statuto di Autonomia della regione Trentino Alto-Adige, Consigliere regionale nel Consiglio della Regione Trentino Alto-Adige.

Dal 1981 al 1988 ho ricoperto ininterrottamente l’incarico di Assessore al turismo nella Giunta della Provincia Autonoma di Trento, contribuendo sia sul piano legislativo (in primis con la riforma dell’organizzazione turistica) che in termini d’immagine (ad esempio inventando il logo della farfalla, ormai riconosciuto simbolo del Trentino in tutto il mondo) alla costruzione e all’affermazione di una nuova progettualità di sviluppo e promozione del turismo trentino. Nello stesso periodo ho anche assunto, in fasi diverse, la diretta responsabilità degli assessorati al commercio, ai trasporti, ai lavori pubblici, all’ambiente, alle foreste, all’energia, all’emigrazione ed allo sport.

Nell’espletamento delle varie competenze assessorili sono stato promotore di diversi provvedimenti legislativi, tra i quali:

  • nuova legge provinciale in materia di lavori pubblici
  • nuova legge provinciale in materia di fonti energetiche ed energie rinnovabili
  • nuova legge provinciale per l’emigrazione trentina nel mondo
  • nuova legge provinciale di programmazione del comparto del commercio
  • nuova legge per la promozione dei grandi impianti sportivi

Dal 1989 al 1992 sono stato Presidente della Provincia Autonoma di Trento ricoprendo, fra gli incarichi politico istituzionali, quelli di:

  • Presidente della Libera Università degli Studi di Trento
  • Vicepresidente della Conferenza Stato-Regioni
  • membro del Consiglio di Amministrazione dell’Istituto Trentino di Cultura
  • Presidente della Comunità di lavoro delle Regioni alpine “Arge-Alp”
  • Presidente della Commissione Trasporti della Comunità “Arge-Alp”
  • membro dell’Esecutivo del Consiglio d’Europa delle Regioni
  • componente del consiglio di amministrazione dell’ENIT
  • componente della Commissione dei “12” per l’attuazione dello Statuto di Autonomia del Trentino Alto-Adige

consiglio

Sono stato eletto la prima volta in Consiglio provinciale e regionale nel 1978, per essere poi rieletto nel 1983 con 22.970 preferenze e nel 1988 con 35.793, risultando in entrambe le consultazioni il politico più votato in Provincia. Rieletto in Consiglio provinciale nel 2003 nella lista di Forza Italia, risultando, con 13.750 preferenze, il consigliere più votato di tutti gli schieramenti. Sono inoltre stato Presidente della Compagnia delle Opere del Trentino Alto-Adige dal 2000 al 2003. Agli incarichi di mandato istituzionale devo aggiungere ruoli di responsabilità politico-partitica che, nel corso degli anni, mi sono stati affidati, quali ad esempio quello di Presidente del Gruppo consiliare provinciale di Forza Italia e di Coordinatore regionale dello stesso partito, oltre che componente effettivo della Quarta Commissione permanente. Nel dicembre 2009 sono stato eletto Presidente della “Commissione paritetica per le norme di attuazione dello Statuto speciale della Regione Autonoma Trentino Alto-Adige” o Commissione dei “12”.

Attualmente sono responsabile delle relazioni esterne ed istituzionali di “Riva del Garda Fierecongressi SpA”, il polo fieristico congressuale della Provincia di Trento, nonché amministratore unico della società SPM S.r.l. attiva nei campi della consulenza commerciale e del marketing aziendale, dei piani di sviluppo turistico-territoriale, della programmazione fieristico-congressuale, dell’analisi dei sistemi di mobilità.

Papa_sci

TURISMO

Nel corso degli anni in cui ho assunto il mandato di Assessore al turismo della Provincia Autonoma di Trento ho ricoperto altri incarichi, direttamente collegati alla competenza turistica:

  • Presidente della neo costituita Azienda Provinciale per la Promozione Turistica del Trentino
  • coordinatore degli Assessori regionali al turismo nell’ambito della Conferenza Stato-Regioni
  • Presidente dell’Azienda Speciale Termale di “Levico, Vetriolo e Roncegno”
  • Presidente del Comitato Promotore e del Comitato Organizzatore dei Campionati del Mondo di Prove Nordiche del 1991 che si sono svolti in Val di Fiemme

Come Assessore al turismo della Provincia Autonoma di Trento mi sono inoltre reso promotore di alcune leggi di riforma nel campo delle attività legate al turismo:

  • legge di riforma dell’organizzazione turistica con la costituzione dell’APT provinciale e delle APT di ambito
  • adozione ed approvazione con legge del primo Piano di promozione turistica del Trentino
  • adozione ed approvazione del primo Piano di Politica per il turismo della Provincia Autonoma di Trento
  • legge di nuova classifica alberghiera
  • legge di riordino dell’organizzazione dei Rifugi Alpini
  • legge di riordino delle Scuole di Sci e della figura del Maestro di Sci
  • legge di incentivazione per l’ammodernamento e la costruzione di strutture alberghiere
  • legge per la disciplina, la realizzazione e l’ammodernamento di impianti di risalita e piste da sci
  • legge di organizzazione del turismo all’aria aperta
  • legge di disciplina ed incentivazione delle attività agrituristiche
  • legge per la costituzione dell’Accademia del Commercio e del Turismo
  • legge interdisciplinare per la valorizzazione culturale, ambientale e turistica del territorio della Provincia di Trento
  • legge per la realizzazione dei Campionati del Mondo di Prove Nordiche del 1991 che si sono svolti in Val di Fiemme

Ho anche realizzato vari progetti, eventi ed iniziative per la promozione turistica del trentino:

  • realizzazione di nuove strutture per la promozione turistica nell’ambito di fiere e mercati turistici
  • realizzazione a Trento della borsa internazionale del Turismo
  • molteplici progetti di abbinamento/sponsorizzazione per la promozione dell’immagine turistica del Trentino in ambito sportivo
  • organizzazione in Trentino di manifestazioni sportive, culturali e dello spettacolo, a livello nazionale ed internazionale, con lo scopo di promuovere turisticamente le località turistiche del Trentino
  • realizzazione della nuova marca – la farfalla del Trentino – attraverso la quale è tuttora promosso il Trentino

farfalla

LA FARFALLA DEL TRENTINO

Esaurita una prima fase pionieristica, maturata avventurosamente per decenni grazie alla scoperta alpinistica delle Dolomiti verso la fine del 1800 ed alla rivoluzione europea nella rete dei trasporti, il turismo trentino, fino ad allora alimentato esclusivamente dall’intuito e dalla passione di alcuni lungimiranti precursori, ha conosciuto nel decennio 1980-1990 l’avvio di una reale modernizzazione. Questo processo ha investito l’intera filiera dell’offerta di ospitalità, oggi punta di diamante dell’economia trentina: dall’organizzazione strutturale e infrastrutturale ai provvedimenti legislativi di supporto agli operatori di comparto, alla progettazione e realizzazione di nuovi criteri e modalità d’interazione, in un’ottica di efficienza e di funzionalità a dei mercati sempre più internazionali. Nell’arco di pochi anni sono state portate ad approvazione dall’Assemblea legislativa della Provincia Autonoma di Trento un pacchetto di interventi e di azioni di reale ed efficace “governance”, che ha segnato il superamento dell’epoca spontaneistico-artigianale del turismo trentino.

farfalla2

Rinfrancato da logiche e filosofie di sistema ed intersettoriali, il programma di lavoro vedeva già allora una forte ed innovativa impronta territoriale e concertativa, scenari nei quali il turismo interagiva con altre realtà locali e si coniugava con le tematiche ambientali, le produzioni tipiche, con la cultura, le tradizioni ed i valori identitari locali. La costituzione dell’Azienda provinciale per la Promozione Turistica del Trentino (con legge provinciale 21/1987) segna un passo importante: il Trentino, in virtù delle sue competenze autonome, ed in una visione prospettica, si propone come modello organizzativo in campo turistico, a livello non solo nazionale. Nell’anticipare decisamente principi e criteri dell’attuale marketing territoriale, oltre ad un revisione e razionalizzazione della geografia dell’ospitalità (con il superamento delle Aziende di Soggiorno e la costituzione degli ambiti turistici e delle relative APT di ambito), la leadership politico-amministrativa conquista sempre più riconoscimento ed accreditamento dal territorio e si consolida anche attraverso provvedimenti legislativi qualificanti, promotori di uno sviluppo storico governato grazie all’affermazione di una trasversale territorialità e collegialità delle iniziative.

farfalla3

L’esito è stato un’equilibrata e concreta affermazione a livello nazionale ed internazionale del turismo trentino, simboleggiato efficacemente dalla farfalla del Trentino turistico, per la quale presi spunto da uno scritto di Cesare Battisti che, anche come esperto geografo, descriveva come il territorio della Provincia di Trento potesse facilmente sovrapporsi ad una farfalla con le ali spiegate.

PRESIDENZA DELLA PROVINCIA

Tra il 1989 ed il 1992 ho ricoperto l’incarico di Presidente della Provincia Autonoma di Trento, periodo durante il quale sono state compiute importanti scelte politico-programmatiche ed approvate nuove leggi da parte del Consiglio Provinciale su proposta della Giunta Provinciale, tra le quali:

  • nuova legge concernente l’ordinamento urbanistico e la tutela del territorio
  • nuova legge di disciplina della presenza dei parchi naturali
  • nuova legge in materia di politiche per la casa
  • nuova legge di riforma della finanza locale
  • nuova legge di disciplina degli interventi ed agevolazioni per i settori economici
  • nuovo Piano di Sviluppo della Provincia Autonoma di Trento
  • nuova legge di riforma delle competenze in tema di trasporti
  • nuova legge di riforma del servizio sanitario provinciale
  • nuova legge di promozione dell’agricoltura di montagna
  • nuova legge di riordino del personale della Provincia
  • nuova legge in materia di autonomia delle scuole, organi collegiali e diritto allo studio
  • nuova legge in materia di diritto allo studio nell’ambito dell’istruzione superiore
  • nuova legge in materia di nuovo ordinamento dei servizi e del personale della Provincia
  • nuova legge per l’attuazione dei progetti
  • nuova legge in materia di ordinamento dei servizi socio-assistenziali in Provincia di Trento
  • nuova legge in materia di protezione della fauna selvatica e per l’esercizio della caccia

malossini_durnwalder

Nel 1990 in veste di Presidente della Provincia ho promosso la costituzione del primo comitato politico-istituzionale per le aree del nord-est. Nello stesso anno ho anche promosso la costituzione del comitato di coordinamento fra le Province Autonome di Trento, Bolzano e Land del Tirolo. Nel 1992, congiuntamente alla Provincia Autonoma di Bolzano e d’intesa con il governo nazionale, ho contribuito alla conclusione della “vertenza” autonomistica per l’attuazione di quanto previsto con legge costituzionale dallo Statuto di Autonomia della Regione Autonoma Trentino Alto-Adige.

ATTIVITÀ PROFESSIONALE SINO AD OGGI

conferenze

Nel 1996 ho costituito la Knono S.a.s., oggi SPM S.r.l., società di consulenza per lo sviluppo turistico, lo sviluppo commerciale, la pianificazione territoriale, la programmazione fieristico-congressuale, l’analisi dei sistemi di mobilità, la promozione ed il marketing d’impresa. Da alcuni anni in particolare sono il responsabile delle relazioni esterne ed istituzionali di Riva del Garda Fierecongressi S.p.a.”, il polo fieristico congressuale della Provincia di Trento. Conduco infine, ormai da 12 anni, la trasmissione sul turismo “Fiammiferi”, in onda sull’emittente regionale Trentino TV.

Incarichi, studi, progetti